Il pranzo è servito

Potrà sembrare originale ma la mia pausa pranzo preferita è proprio così: godermi il mio soggiorno, che potrebbe anche essere un pelo più ordinato ma sul quale, almeno per oggi, chiuderò un occhio, mangiando qualcosa con calma.

Qualcosa non a caso però: non il classico e tremendo pacchetto di crackers mentre si lavora al pc.

Molto meglio qualcosa di semplice, come può esserlo un trancio di pizza del panettiere di fiducia, gustato su una tavola libera pulita ed apparecchiata ed accompagnato da qualche oliva fresca di cui io vado matta!

Può essere qualsiasi cibo vi venga in mente e spesso gli avanzi della sera prima sono sorprendentemente di lusso: a volte una ciotola di riso giapponese con avocado a fette e salmone affumicato, un panino sfizioso, hummus di ceci con verdure fresche tagliate al momento ma anche una ciotola di macedonia con un cucchiaio di yogurth quando fa davvero caldo o una tazza di passato con i crostini quando invece fa davvero freddo.

L’importante è fermarsi, fosse anche solo per mezz’ora, e concentrarsi sul cibo che stiamo mangiando e non sul lavoro lasciato per un attimo in sospeso. A meno che non siamo chirurghi di turno in sala operatoria, vi assicuro, non può succedere niente di così grave se ci prendiamo una pausa.

Io vi confesso di aver passato la mia pausa davanti al computer, ma non lavorando: stavo leggendo le news geniali di oggi scritte dai miei compagni di redazione. Non me ne vogliate, li trascuro da troppi giorno, quindi il motivo è più che valido!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...